I Miei Impegni per la provincia di Alessandria in Regione

Turismo

Leva per lo sviluppo economico dei territori, facendo rete e avviando sinergie strategiche per la promozione. Come prevede un recente
accordo pilota, che coinvolge anche la Provincia, con l’obiettivo di formare
amministratori e dipendenti pubblici e aprire uno sportello unificato di impresa.
In provincia di Alessandria abbiamo due siti Unesco e due territori Alto e Basso Monferrato dalle potenzialità straordinarie: lavoriamo uniti per essere protagonisti, attraenti ed attrattivi, allargando l’offerta. Competitivi. Riflettori puntati anche sul termalismo acquese e sul turismo legato alle eccellenze enogastronomiche.

Ambiente

Interventi calendarizzati, sulla base del protocollo di intesa sottoscritto da Provincia, Regione e Ente Regolatore del Servizio Idrico Integrato, fino al 2034 per mettere in sicurezza il sistema di approvvigionamento idrico e prevenire crisi. Da Acqui e la Val Bormida a Novi-Bettole, da Ponzone a Lerma-Tagliolo-Belforte. Priorità anche ad Alessandria, all’area Predosa-Ovada, senza dimenticare la Val Borbera.

Agricoltura

Tutelare un settore di primo piano della provincia alessandrina, prevedendo, in caso di calamità naturali e non, come per i danni da cinghiali, misure di assistenza, accompagnamento e risarcimento.
Grazie al lavoro di agricoltori e viticoltori disponiamo di prodotti che portano il nome del nostro territorio alla ribalta sulla scena
nazionale e internazionale. Conquistando nuovi consumatori con produzioni DOP, IGP, DOCG e STG come ribadito da Alberto Cirio,
candidato presidente alla Regione Piemonte.

Trasporti

Collegamenti efficienti ed efficaci, in grado di rispondere alle esigenze di un’utenza variegata, all’interno del territorio provinciale, ma anche e
soprattutto con le realtà vicine. Cominciando dal ripristino delle linee ferroviarie Alessandria-Nizza Monferrato e Alessandria-Ovada,
guardando naturalmente anche fuori regione implementando i collegamenti con Milano e Genova sulla Acqui-Ovada. Combattendo l’isolamento in cui Alessandria rischia di trovarsi sempre più.
Restituendo proprio ad Alessandria il ruolo di retroporto naturale di Genova nel sistema complessivo della logistica semplificata del nord ovest. Attenzione al lavoro di SLALA, la Fondazione per la promozione di
infrastrutture ed insediamenti a supporto della logistica.

Sanità

ASO e ASL di Alessandria candidate come sede di un IRCCS, Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico specializzato nel mesotelioma e le
patologie ambientali. Una struttura di eccellenza, riconosciuta a livello ministeriale, da aggiungere a Candiolo, unica in Piemonte per le malattie
oncologiche, e alle altre 48 in Italia. Una sanità di eccellenza, ma nel contempo attenta alle esigenze del territorio, in particolare di una popolazione sempre più anziana alla quale vanno garantiti servizi efficienti
di assistenza. Senza sottovalutare i collegamenti.